I Situazionisti e la loro storia - Indice
Copertina
Debord Guy - Sanguinetti Gianfranco
I Situazionisti e la loro storia
con saggi di Agamben, Ghezzi, Passerini, Piccinini, Poli, Scarpelli, Silvestri, Virno

2006 pp.192 ESAURITO €

Il volume raccoglie il testo in cui Guy Debord traccia il bilancio dell’esperienza dell’Internazionale situazionista, indicandone il superamento e anticipando molti di quelli che saranno gli aspetti della società contemporanea, numerosi documenti originali dell’Internazionale situazionista, e una serie di brevi saggi che indagano l’attualità del movimento che, primo, previde e avversò la “condizione postmoderna”. Gli animatori dell’Internazionale situazionista avevano sempre considerato questa organizzazione uno strumento da superare, non appena avesse raggiunto il suo obiettivo: riportare la contestazione rivoluzionaria all’interno della società capitalista modernizzata. Nel 1972 Debord ritiene essere arrivato quel momento e, nel testo qui pubblicato, individua con straordinaria precisione le tendenze che solo oggi si sono pienamente dispiegate.


INDICE

Nota introduttiva

Violenza e speranza nell’ultimo spettacolo
Giorgio Agamben

Cultura e produzione sul palcoscenico
Paolo Virno

Critica della vita quotidiana
Luisa Passerini

Venti anni di guerra con la società dello spettacolo
Enrico Ghezzi

Il gran gioco sovversivo
Roberto Silvestri

La teoria filmata in diretta
Filippo Scarpelli

Demolire la quarta parete del rock
Alberto Piccinini

Sulla scia dei surrealisti
Francesco Poli


Tesi sull’Internazionale situazionista e il suo tempo
Guy Debord, Gianfrano Sanguinetti


ALLEGATI

1. Note per servire alla storia dell’I.S. dal 1969 al 1971
2. Sulla decomposizione dei nostri nemici
3. Rapporto di Guy Debord alla VII Conferenza
dell’I.S. a Parigi (estratti)
4. Lettera di dimissioni di Raoul Vaneigem
5. Comunicato dell’I.S. a proposito di Vaneigem
6. Dichiarazione dell’11 novembre 1970
7. Statuti adottati alla Conferenza di Venezia il 30 settembre
1969 (estratto)
8. I détournements nelle Tesi sull’internazionale situazionista
e il suo tempo
9. il détournement come negazione e come preludio
(Guy Debord in «internationale situationniste), n. 3, (estratto)


DOCUMENTI

Definizioni

Il disfacimento stadio supremo del pensiero borghese
Guy Ernest Debord

Lavoro e valore
Asger Jorn

Tesi sulla rivoluzione culturale
Guy Ernest Debord

Il capitalismo, società senza cultura
P. Canjeuers, G. Debord



Manifestolibri P.Iva 04388021000 - Realizzato da Centro Studi Airone