Storia comune

nov 5th, 2014 | Categoria: Primo Piano

COP LUZZATTO STORIA X SITOMentre strizza l’occhio alla grande narrativa dell’Ottocento (Una storia comune fu il romanzo d’esordio di Gon?arov), il titolo di questo libro rimanda a qualcosa di urgentemente contemporaneo: il dibattito sui «common goods». Perché anche la storia – intesa sia quale scienza di un passato condiviso, sia quale tecnica di una memoria collettiva – deve essere oggi ripensata e tutelata quale «bene comune».

Ma per valere da bene comune, deve essere sottratta a chi vuole farne un bene indifferenziato: una «narrazione» spendibile sul mercato della creatività letteraria come su quello della propaganda politica. La storia è un bene troppo prezioso per essere lasciato in pasto a praticoni più o meno abili nella contaminazione dei generi e a liquidatori più o meno seduttivi di ogni cultura dei «professoroni».

Che cosa resta, oggi, dell’illuminismo retrospettivo perseguito dai grandi maestri della storiografia novecentesca? Quanta parte delle nostre radici va ritrovata, piuttosto che nel «secolo breve», in certe lunghe durate della storia medievale o moderna? Come giustificare la persistente centralità, nell’uso pubblico della storia, della catastrofe ebraica?

Una guida ragionata su alcune domande di fondo della nostra contemporaneità.

Sergio Luzzatto
Storia comune, nuovi interventi
€ 20,00
in libreria dal 27 novembre 2014

Condividi:
facebooktwitterfacebooktwitter

Seguici su:
facebooktwitteryoutubefacebooktwitteryoutube

Lascia un commento

Devi essere Autenticato per scrivere un commento

transfer services from civitavecchia onoranze funebri roma