Stalking

mag 21st, 2014 | Categoria: Stalking

stalking 1Stalking, per il nostro codice penale “atti persecutori” (C.P. art. 612-bis). Ma in inglese significa “camminare con circospezione” (to stalk): non è quello che molte donne sono costrette a fare ogni giorno, in diversi ambiti della loro vita?

Lo scorso marzo il parlamento italiano (i parlamentari maschi per lo più) ha bocciato tutti gli emendamenti sulle quote rosa.

Lo stalking, recita il nostro codice civile, crea gravi stati d’ansia o di paura, considerati cause invalidanti che possono compromettere la quotidianità.

Cos’è questa ossessione di tenere le donne fuori dalla rappresentanza politica se non un atto persecutorio della maggioranza (maschile)? Non è forse questa una causa invalidante che compromette la quotidianità del nostro paese, dunque la nostra democrazia? E’ talmente noto che in tema di giustizia di genere urgono provvedimenti in materia di lavoro, sanità, infrastrutture (etc. etc.): chi li porrà come priorità, chi li rappresenterà?

La violenza sulle donne è ormai oltre ogni livello di guardia. Non è solo cronaca nera, che di episodi ne conta ormai quotidianamente. Guardiamo alle più giovani: loro accettano ragazzi aggressivi e violenti, che spesso le picchiano e molte volte le minacciano o le condizionano, come fosse la normalità. Osserviamo le ragazze che pur di avere una famiglia, dunque dei figli, sono disposte ad accettare qualsiasi compromesso, qualunque atteggiamento alieno del partner. Tutte queste scambiano l’ossessione per amore. Nessuna di loro si aspetta il rispetto.

Il lavoro. E’ sempre handicappato dalla cura dei figli, dei genitori anziani… La nostra è una società che chiede famiglia come surrogato di cura a costo zero. Un welfare all’italiana come gli spaghetti western.

E ancora: escort, veline, mogli di, figlie di, madri di… calciatori, politici, mafiosi. Un esercito di formichine laboriose e, qualche volta, una cicala… ma dura un giorno poi muore.

#BringBackOurGirls… volevano solo studiare.

stalking@manifestolibri.it

Simona Bonsignori

Condividi:
facebooktwitterfacebooktwitter

Seguici su:
facebooktwitteryoutubefacebooktwitteryoutube

I commenti sono chiusi

transfer services from civitavecchia onoranze funebri roma