La favola di Euforbo e Pitagora


28,00 € tasse escl.

Una filosofia in forma di favola: questa era la maniera di comunicare di Pitagora, il primo a introdurre nell’Occidente il pensiero di un’anima non arrestata dalla morte, ma neppure chiusa in un solo uomo, poiché le sue rinascite sono i capitoli di una vita molteplice in continuo divenire. All’uomo moderno, chiuso nel proprio io come in trincea, quest’anima pitagorica potrebbe apparire una doppia identità o un’illusoria credenza in un’altra vita che non c’è. Ma, svolta con rimandi ai misteri della Grande Madre e di Dioniso salvato da Apollo, l’analisi delle testimonianze sulla favola in cui Pitagora ricorda d’esser già stato un messaggero ermetico di Dio e un guerriero, che apprende i dolori delle altre anime e si trasforma in un filosofo, documenta che l’anima non corrispondeva all’io di una persona, ma alla vita trascorsa in connessione con un cosmo altrettanto animato e soggetto a un armonico ed eterno ritorno. La favola dell’anima contiene sia raggiri retorici, sia criptici significati; sembra una storiella delle favolose incarnazioni di Pitagora in personaggi marginali dell’Iliade come Euforbo o delle Argonautiche come Etalide, ma costituisce un’iniziazione alla filosofia: comprendere il proprio e l’altrui vissuto significa scorgere un mondo.
  • Autore Biondi Graziano
  • Anno 2009
  • Formato 14,5x21
  • Pagine 288
  • ISBN 978-88-7285-563

Carrello  

Nessun libro

Spedizione 0,00 €
Totale 0,00 €

Carrello Check out

© Periodico in corso di registrazione Direttore Responsabile Simona Bonsignori
LA TALPA S.r.l. sede legale - Via della Torricella, 46 - 00030 Castel San Pietro Romano RM - P. Iva 12071901008 - Web designer Andrea Nicolo'
Powered by GENOMEGA