Sul libro nero del comunismo


10,00 € tasse escl.

Un folto gruppo dei più importanti intellettuali e storici della sinistra italiana analizzano e discutono le responsabilità del movimento comunista nelle repressioni di massa del ventesimo secolo, da Stalin alla Cina di Mao, ricostruite nel recente "Libro nero del comunismo", che ha avuto un enorme successo in molti paesi. Cosa ha determinato l’involuzione autoritaria di movimenti che, ripromettendosi la liberazione dell’uomo dallo sfruttamento, hanno generato invece regimi tirannici che si sono macchiati di numerosi crimini? Tuttavia, la storia del comunismo non si può ridurre, come fanno gli autori del "Libro nero", a un crescendo di repressione e di violenza, avulso dai rapporti di oppressione generati dalla modernità capitalistica. E soprattutto, non può essere utilizzata per mascherare le ingiustizie sociali che sempre hanno contraddistinto le democrazie occidentali e per condannare preventivamente ogni aspirazione alla trasformazione radicale della società.
  • Autore AA.VV.
  • Anno 1998
  • Formato 11x18
  • Pagine 142
  • ISBN 88-7285-158-0

Carrello  

Nessun libro

Spedizione 0,00 €
Totale 0,00 €

Carrello Check out

© Periodico in corso di registrazione Direttore Responsabile Simona Bonsignori
LA TALPA S.r.l. sede legale - Via della Torricella, 46 - 00030 Castel San Pietro Romano RM - P. Iva 12071901008 - Web designer Andrea Nicolo'
Powered by GENOMEGA