Venerdì 11 maggio (ore 18), presentazione di Altri Femminismi alla Biblioteca delle Donne di Bologna

mag 3rd, 2018 | Categoria: Eventi

ALTRI FEMMINISMI
Corpi, violenza, riproduzione, culture, lavoro
a cura di T. Bertilotti, C. Galasso, A. Gissi
contributi di Liana Borghi, Sara Borrillo, Beatrice Busi, Francesca Decimo, Chiara Lalli, Elena Laurenzi, Porpora Marcasciano, Adriana Nannicini, Ruba Salih e Laura Schettini.
Il volume pone al centro i sistemi di pensiero e le pratiche politiche che il femminismo ha assunto con l’irruzione di nuovi soggetti, nell’incontro con altri movimenti e categorie di analisi e di fronte alle emergenze del mondo contemporaneo, aggiornando la ricerca con l’obiettivo di analizzare le problematiche dei femminismi contemporanei che appaiono più urgenti. Violenza e riproduzione, trasformazioni del lavoro e immigrazione, rapporto con il lesbismo e emergere del soggetto trans, confronto con l’industria del sesso e impatto con l’Islam, fino alla riflessione sul multiculturalismo nel mondo post-coloniale. Partendo da questi temi le autrici raccolgono la sfida che la complessità del presente pone alla storia e alla tradizione del pensiero femminile e alle pratiche politiche che lo hanno accompagnato. Questo lavoro non può e non vuole essere l’ultima parola su questi temi, divenuti di recente più ampi e controversi, ma si pone come strumento utile per affrontare la fitta trama del presente, nel momento in cui le pratiche femministe si rinnovano.

Venerdì 11 maggio ore 18 – Bologna

Biblioteca delle Donne - Via San Felice 16/A

ne parleremo con Beatrice Busi, Porpora Marcasciano, Laura Schettini
Beatrice Busi
Ricercatrice indipendente e attivista transfemminista, ha collaborato a diversi progetti di ricerca locali e nazionali sulle trasformazioni contemporanee del lavoro e della riproduzione sociale. Attualmente si sta occupando delle condizioni delle lavoratrici domestiche e della cura in Italia. Fa parte di CRAAZI, Centro di Ricerca e Archivio Autonomo transfemminista queer ‘Alessandro Zijno’, nato dall’esperienza di Atlantide a Bologna. E’ una delle autrici di “Il genere tra neofondamentalismo e neoliberismo” (Ombre Corte, 2016), “Esquimesi in Amazzonia. Dialoghi intorno alla depatologizzazione della transessualità” (Mimesis, 2014), “Femministe a parole. Grovigli da districare” (Ediesse, 2012)
Porpora Marcasciano
Presidente onorario del MIT (Movimento Identità Trans), attivista, sociologa, responsabile del Consultorio MIT e ideatrice del suo progetto di Riduzione del danno, cura il Centro di Documentazione Sylvia Rivera. Direttrice di Divergenti Festival del Cinema Trans. Ha pubblicato “Tra le rose e le viole” (Manifestolibri, 2002), “Favolose narranti” (Manifestolibri, 2008), “Elementi di critica trans” (Manifestolibri, 2010), “Antologaia” (Alegre, 2016), “L’aurora delle trans cattive” (Manifestolibri, 2018). Nel 2015 ha messo in scena lo spettacolo “Il sogno e l’utopia”.
Laura Schettini
Ha svolto il dottorato di ricerca in Storia delle donne e delle identità di genere, criminologia, cultura popolare e scienza tra Otto e Novecento presso l’Università di Napoli L’Orientale. Attualmente sta lavorando ad una ricerca dedicata alla tratta delle bianche nella prima metà del Novecento. Tra le sue pubblicazioni “Il gioco delle parti. Travestimenti e paure sociali tra Otto e Novecento” (Le Monnier, 2011), ha curato, con Simona Feci, “La violenza contro le donne nella storia. Contesti, linguaggi, politiche del diritto (XV-XXI)” (Viella, 2017).
Giovedì 24 maggio ore 18 – Roma
Tuba Bazar – Via del Pigneto 39a
Introduce e modera l’incontro Anna Simone
Intervengono Teresa Bertilotti, Chiara Lalli e Simona Bonsignori
Teresa Bertilotti (Università di Milano-Bicocca), ha fatto parte del direttivo della Società italiana delle storiche e della redazione di «Genesis». Si è occupata di istruzione femminile in età liberale e di storia del femminismo. Da alcuni anni il suo principale campo di ricerca è il rapporto tra intrattenimento e cultura storica.
Chiara Lalli insegna bioetica e storia della medicina alla “Sapienza” di Roma. Scrive per “Il Corriere della Sera”, “Le Scienze” e “Wired”. Tra i suoi ultimi libri, Bioetica per perplessi. Una guida ragionata, (con Gilberto Corbellini, Mondadori, 2016) e Non avrai altro dio all’infuori di te. Siamo tutti Manuel Fantoni (Fandango, 2017).
Simona Bonsignori, giornalista ed editrice della manifestolibri.
Anna Simone insegna Sociologia giuridica della devianza e del mutamento sociale e coordina il modulo Diritto/Diritti/Giustizia nell’ambito del master in Studi e Politiche di Genere dell’Università di Roma 3. Negli ultimi anni ha lavorato molto sulle connessioni critiche tra diritto e femminismo.

 

 

Condividi:
facebooktwitterfacebooktwitter

Seguici su:
facebooktwitteryoutubefacebooktwitteryoutube

I commenti sono chiusi

transfer services from civitavecchia onoranze funebri roma